Su Marte scorreva acqua, lo dimostrano le immagini di Curiosity

Marte, Terra fonte: nasa.gov
Cultura 28 Settembre 2012

Su Marte scorrevano fiumi. Le immagini inviate a Terra dal robot-laboratorio Curiosity della Nasa non lasciano più dubbi su un passato molto diverso del pianeta rosso. Per la prima volta su Marte sono state viste le tracce di un antichissimo fiume, nel quale una volta l’acqua scorreva abbondante e che può essere considerato la prima indicazione di un ambiente potenzialmente abitabile. Questa scoperta "è indice di un pianeta abitabile", osserva John Grotzinger, del California Institute of Technology (CalTech) di Pasadena e responsabile della missione Mars Science Laboratory (Msl). Che in un lontano passato scorressero fiumi su Marte lo aveva dimostrato la composizione di alcune rocce, ma mai prima d’ora era stata trovata una roccia scavata dall'erosione provocata dall'acqua. La forma di queste rocce permette di calcolare perfino la velocità alla quale l’acqua scorreva, sembra in maniera abbondante e costante. "Dalle dimensioni del letto del fiume possiamo dedurre che l’acqua scorresse alla velocità di poco meno di un metro al secondo e la sua profondità era confrontabile con la distanza fra l’anca e la caviglia", ha detto uno dei responsabili scientifici della missione, William Dietrich, dell’Università della California a Berkeley. Curiosity ha scoperto il letto del fiume lungo il tragitto che ha percorso dal luogo in cui si è posato sul suolo marziano, il 6 agosto scorso. La zona fotografata si trova sul bordo settentrionale del cratere Gale, verso il misterioso Monte Sharp, la formazione altra 5.500 metri che si trova al centro del cratere, verso cui è diretto il robot.

Social

segui mediavideo.it su facebook

segui mediavideo.it su twitter

segui mediavideo.it su google plus