Sequestro-lampo di Spinelli, forse pagati 8 mln di riscatto

Spinelli, Giuseppe, Berlusconi
Attualità 19 Novembre 2012

Il 15 ottobre scorso, Giuseppe Spinelli, 71 anni, tesoriere di Silvio Berlusconi, è stato sequestrato in casa per 11 ore insieme alla moglie. Al centro del sequestro un fantomatico cd contenente filmati sul presidente della Camera Gianfranco Fini, 'carte' sul Lodo Mondadori che al Cav "avrebbero fatto molto piacere", una richiesta di riscatto di 35 milioni - di cui otto potrebbero essere stati pagati - il sequestrato che, appena libero, non corre a denunciare quanto accaduto, ma va ad Arcore da Silvio Berlusconi (che tra l'altro annulla un incontro di lavoro con Monti). La Polizia di Stato, coordinata dalla Dda di Milano, ha eseguito 6 arresti e numerose perquisizioni. In manette sono finiti Francesco Leone, un pregiudicato pugliese di 51 anni, arrestato a Paliano (Frosinone), Pierluigi Tranquilli, di 34 anni, residente a Olevano Romano (Roma), pregiudicato, e Alessio Maier, di 46 anni, residente a Malnate (Varese), anch'egli con precedenti. Oltre a loro, ritenuti gli organizzatori e gli ideatori, ci sono 3 albanesi pregiudicati di 33, 28 e 39 anni. Potrebbe essere proprio Leone, nell'interrogatorio di garanzia fissato per mercoledì, a spiegare quelli che sono i punti ancora oscuri della vicenda. Primo tra tutti il fatto che il sequestro risale alla notte tra il 15 e il 16 ottobre, ma la segnalazione alla magistratura arriva nel pomeriggio del 17: prima Spinelli va ad Arcore da solo, poi viene prelevato dalla scorta di Berlusconi per raggiungere una 'località segreta'.

Social

segui mediavideo.it su facebook

segui mediavideo.it su twitter

segui mediavideo.it su google plus