Nessuna traccia dell'aereo con Missoni, speranze sempre più flebili

Venezuela, Los Roques, Vittorio Missoni
Attualità 08 Gennaio 2013

Sempre più flebili le speranze di trovare l'aereo con a bordo quattro italiani, tyra cui Vittorio Missoni, disperso nelle acque di Los Roques in Venezuela venerdì scorso. Le ricerche vanno avanti senza sosta. Nelle ultime ore sta acquistando maggiore consistenza l'ipotesi che a far perdere le tracce del velivolo "deve essersi trattato di un evento improvviso e catastrofico", che non ha dato tempo al pilota di segnalare l'emergenza, ha sottolineato a Caracas l'ambasciatore italiano in Venezuela Paolo Serpi. C'é un buco di tempo di due minuti tra quando il pilota ha chiuso il contatto con l'isola e il momento in cui doveva prenderlo con Caracas, ha ricordato il diplomatico. I mezzi venezuelani - ha aggiunto il diplomatico italiano - puntano "in un'area dove potrebbe esserci stato l'impatto e dove le acque sono profonde tra i 48 e i 54 metri". Ricerche complesse anche perché in altre zone la profondità arriva invece fino a 4.000 metri, ha aggiunto Serpi dopo il sopralluogo fatto di persona a Gran Roque, da dove venerdì era decollato il velivolo senza mai arrivare a Caracas. I lavori andranno avanti ancora "per otto giorni" e, se necessario, anche al di là di tale periodo di tempo, ha precisato, sottolineando che anche la costa venezuelana viene controllata, "nel caso in cui arrivino dei rottami". Sul fronte delle indagini, i riflettori sono puntati su alcuni aspetti considerati determinanti. Per esempio, l'analisi dei pochi minuti di volo e della comunicazione avuta dal pilota - il 72/enne German Marchal - nel momento in cui, a 10 miglia di distanza, si stava allontanando dalla 'Gran Roque' verso la terraferma. A immaginare quel che può essere successo è Enrique Cuervo, un esperto dell'aeronautica di Caracas, che punta il dito soprattutto sulle comunicazioni dell'aereo. Il velivolo, afferma, potrebbe aver avuto un guasto e forse Marchal non è riuscito a segnalarlo perché le comunicazioni non hanno funzionato, forse perché l'aereo non aveva raggiunto la quota sufficiente.

Social

segui mediavideo.it su facebook

segui mediavideo.it su twitter

segui mediavideo.it su google plus