La notte di 'Argo', il film di Affleck vince l'Oscar

Argo, Oscar, cinema
Cultura 25 Febbraio 2013

Alla fine le previsioni sono state rispettate, almeno per il miglior film. Argo di Ben Affleck si è aggiudicato la statuetta più importante della notte degli Oscar. E' stata Michelle Obama, in diretta dalla Casa Bianca, ad annunciare il nome del vincitore. "Grazie ai miei amici in Iran che vivono in condizioni non facili e a mia moglie, che ha lavorato al nostro matrimonio per dieci natali. Grazie all'Academy. Non importa quanto certe cose ti possano buttare giu'. Nella vita alla fine bisogna sempre risollevarsi". Sono le parole del regista, emozionato dal palco dell'Accademy. Altri Oscar al film che racconta la vicenda degli ostaggi americani a Teheran nel 1979, sono andati a William Goldenberg per il miglior montaggio e a Chris Terrio come miglior sceneggiatura non originale. Incetta di stauette per 'Vita di Pi'. Il premio Oscar per la miglior regia e' andato ad Ang Lee. Il cineasta taiwanese ha ringraziato, oltre a cast e troupe, la moglie "con cui festeggio quest'anno il 30/o anniversario di matrimonio e i miei figli". Claudio Miranda per Vita di Pi ha vinto l'Oscar come migliore fotografia. Bill Westenhofer, Guillaume Rocheron, Erik-Jan De Boer e Donald R. Elliott per Vita di Pi hanno vinto l'Oscar come migliori effetti speciali. Mychael Danna per Vita di Pi ha vinto l'Oscar come miglior colonna sonora. Il premio Oscar per la miglior attrice non protagonista è andato ad Anne Hathaway per 'Les Miserables'. Andy Nelson, Mark Paterson e Simon Hayes per 'Les Miserables' hanno vinto l'Oscar come miglior sonoro. Lisa Westcott e Julie Dartnell, sempre per il film 'Les Miserables' hanno vinto l'Oscar come miglior trucco e acconciatura. Il premio Oscar per il miglior attore protagonista è andato a Daniel Day-Lewis per Lincoln, ma il film di Steven Spielberg è il grande deluso di questa edizione. Alla fine, le tante nomination si sono trasformate in due sole statuette.

Social

segui mediavideo.it su facebook

segui mediavideo.it su twitter

segui mediavideo.it su google plus