Martedì i funerali di Enzo Jannacci, scomparso a 77 anni

Jannacci Enzo
Cultura 30 Marzo 2013

Dovrebbero svolgersi martedì 2 aprile i funerali di Enzo Jannacci, il popolare cantautore milanese, morto ieri sera all'età di 77 anni dopo una lunga malattia. La Camera Ardente resterà aperta domani e lunedì alla casa di cura Columbus, in via Buonarroti 48 a Milano. E nonostante il cattivo tempo e le festività pasquali, i milanesi sono arrivati per rendere l'ultimo saluto a uno degli artisti simbolo del capoluogo lombardo.ORNELLA VANONI, SE NE E' ANDATA PARTE MIA VITA - "Caro amico, matto e geniale, quante giornate felici, quante risate. Che tempi belli abbiamo vissuto insieme. Te ne sei andato e con te se ne è andata anche una parte della mia vita": con queste parole Ornella Vanoni, su Twitter, ha voluto ricordare Enzo Jannacci, morto ieri sera a Milano dopo una lunga malattia. Il club Tenco "saluta" Enzo Jannacci "con tutto il dolore di una perdita così grande ma anche con la gratitudine di aver sempre ricevuto da lui il soffio leggero di una poesia spiazzante e infallibile". Il club Tenco ricorda i premi attribuiti al cantautore milanese nel corso degli anni: dal Premio Tenco del 1975, alle tre targhe per la più bella canzone dell'anno fino al riconoscimento per il migliore album in dialetto. "Dentro quella voce - si legge in una nota del Club Tenco - si poteva nascondere qualcosa di molto serio, spesso tragico, ma anche dolce e levigato come il suo volto. Enzo Jannacci sapeva in questo modo 'dire' più dei tanti parolai che ci tocca ascoltare tutti i giorni. Sapeva esprimersi più e meglio di tutto il bla-bla quotidiano di cui a suo modo si faceva beffe". "Parlare di Enzo? E' come parlare di un fratello, un fratello che è morto. Abbiamo vissuto talmente tante esperienze insieme, viaggi, cose della vita, lavoro, che per me era uno di famiglia": Aurelio Ponzoni, in arte Cochi (del celeberrimo duo Cochi e Renato), parla con commozione ma senza alcuna retorica della vita e della morte di Jannacci.

Social

segui mediavideo.it su facebook

segui mediavideo.it su twitter

segui mediavideo.it su google plus