Berlusconi condannato a 7 anni e interdetto dai pubblici uffici

Sentenza, processo Berlusconi
Attualità 24 Giugno 2013

La sentenza di primo grado del cosiddetto processo Rubygate è di quelle che lasciano il segno: Silvio Berlusconi è stato condannato a sette anni per i reati di concussione per costrizione e prostituzione minorile. Il Cavaliere e' stato anche interdetto a vita dai pubblici uffici. Il tribunale di Milano ha inflitto a Silvio Berlusconi una pena più alta di quella richiesta dal pubblico ministero Boccassini: che al termine della sua requisitoria aveva chiesto un anno in meno. I giudici hanno disposto inoltre la confisca dei beni già sequestrati in passato a Ruby e al suo compagno Luca Rizzo. Ma la sentenza potrebbe aprire il corso ad altri procedimenti, perché i giudici hanno disposto la trasmissione degli atti alla Procura affinché valuti le presunte false testimonianze rese da alcuni testimoni nel corso del dibattimento. Come era logico attendersi, la sentenza a carico di Silvio Berlusconi irrompe come 'breaking news' sui media di tutto il mondo, dai britannici Bbc e Financial Times, dal Wall Street Journal allo spagnolo El Mundo fino al tabloid tedesco Bild e al francese Le Figaro, senza dimenticare Al Jazeera. Secondo il Wall Street Journal si tratta di "Una sentenza che minaccia di stabilizzare il fragile governo di coalizione in Italia". "La sentenza fa seguito a un clamoroso processo che ha gettato luce sulla controversa vita privata dell'ex primo ministro italiano", scrive il Wsj.

Social

segui mediavideo.it su facebook

segui mediavideo.it su twitter

segui mediavideo.it su google plus