In Italia cala del 30% il mercato degli strumenti musicali

Cremona, fiera strumenti musicali, strumenti musicali
Cultura 30 Settembre 2016

Nonostante un’importante tradizionale musicale e tante scuole dedicate, in Italia si spende sempre meno per l’acquisto di strumenti musicali mentre i Paesi che sono già ai vertici mondiali, come Stati Uniti, Canada e Australia, spendono ancora di più. E’ lo scenario tratteggiato durante la 29esima edizione di Cremona Musica International Exhibitions in programma fino al 2 ottobre a CremonaFiere e che richiama nella città di Stradivari 289 espositori da 28 Paesi.

Negli ultimi tre anni la spesa media pro-capite degli italiani per acquistare uno strumento musicale è scesa del 21% da 7,94 e 6,3 dollari. Gli americani investono più di 3 volte rispetto a noi (22 dollari pro-capite, 14%) anche sulla spinta di un sistema scolastico che contempla una diffusa formazione musicale a partire dai livelli dell’obbligo. A ruota seguono i canadesi che di dollari ne spendono 21 ( 9%) e, più indietro, gli australiani con 16,1 ( 4%). Crescono, seppure più lentamente, gli acquisti di strumenti musicali anche in Giappone e Svizzera ( 2% ciascuno) dove si spendono rispettivamente 17 e 16 dollari pro-capite.

L’arretramento italiano si iscrive in un più ampio panorama europeo, dove gli austriaci investono il 18% in meno di 3 anni fa (15 dollari a testa), gli inglesi il 12% (9 euro pro-capite) e i tedeschi 7% in meno e 12 euro a testa.

Ci sta raggiungendo in questa graduatoria la Corea del Sud, paese sempre più attento alla musica classica, con 5,8 dollari di spesa e una crescita nell’ultimo triennio del 4%. Tra i Paesi emergenti è in forte aumento la spesa pro-capite in Brasile ( 37%) e India ( 33%) anche se i valori assoluti restano bassi, rispettivamente 1,42 e 0,08 dollari.

Social

segui mediavideo.it su facebook

segui mediavideo.it su twitter

segui mediavideo.it su google plus