HomeGubbioIl Rotary Club Gubbio dona due meridiane che saranno poste nel Chiostro...

Il Rotary Club Gubbio dona due meridiane che saranno poste nel Chiostro di San Pietro

Published on

spot_img

Giovedì 27 giugno alle ore 18, il Rotary Club Gubbio restituirà alla città due meridiane poste nel Chiostro di San Pietro. Il Progetto ideato e realizzato dal Presidente a.r. 2022 -2023 Tiziana Crociani, sostenuto dal Comune di Gubbio, viene inaugurato, nell’ambito delle celebrazioni dei 60 anni dalla fondazione del Rotary Club Gubbio, dal Presidente a.r. 2023-2024 Massimo Angeli.
La cerimonia di inaugurazione sarà svolta nel Chiostro di San Pietro
In questo chiostro sono stati posti, nelle pareti rivolte a sudest e a sudovest, tra le finestre di primo livello, due triangoli metallici disposti perpendicolarmente alla parete stessa; questi sono “gnomoni a vela” a testimonianza di antichi orologi solari il cui grafico originale è stato cancellato dal tempo.
Con il termine “gnomone” ( termine di origine latina e greca – conoscere , colui che sa , colui che indica) si definisce la parte dell’orologio solare che proietta ombra sul quadrante; lo gnomone è quindi il cuore dell’orologio solare, un po’ come le lancette di un orologio meccanico.
La tipologia dello “gnomone a vela”, costituito cioè da un elemento triangolare con angoli funzione della latitudine del luogo, caratterizza anche altri orologi solari di Gubbio come suggerito nel “Libro secondo, ove si tratta dell’uso delle tavole mediante le quali con agevolezza si ponno fare Horologi da sole” scritto da Padre Angelo Maria Colomboni, abate olivetano e gnomonista, ricordato tra i personaggi eugubini celebri nelle scienze e la cui presenza nel Monastero di San Pietro documentata, attraverso gli studi del Dott. Piero Luigi Menichetti, dal 1627 al 1628.
Si è voluto oggi restituire il senso agli antichi gnomoni riproponendo i perduti orologi solari con la realizzazione di due grafici a parete.
Una campagna di misurazioni (Mauro Bifani – Francesco Rosi – Manlio Suvieri) è stata condotta per determinare la declinazione delle pareti verticali ( parete sud 29° 15’E – parete sudovest 60° 04’ W); non avendo alcuna testimonianza dei grafici precedenti né del sistema orario utilizzato nel momento della realizzazione degli orologi solari originali, sono stati progettati e realizzati due quadranti ad ore francesi riportanti l’ora solare del luogo con evidenza del mezzogiorno, delle linee solstiziali e dell’equinoziale.

L’immagine in testa all’articolo è un fotogramma tratto dal video “Le meridiane del chiostro maggiore di San Pietro”, pubblicato sul canale YouTube Fabrizio Cece: storie di Gubbio. Immagini di Lorenzo Franceschetti.

Ultimi Articoli

“Umbria Film Festival”, le chiavi della città di Montone ad Alice Rohrwacher e stasera al regista Olivier Assayas

La cerimonia di consegna delle chiavi della città ha visto protagonista nella serata di...

Usl Umbria 1, al via la formazione per la nuova Lettera di dimissione ospedaliera

Adeguata in in conformità con il formato del Fascicolo Sanitario Elettronico, rappresenta un miglioramento...

“Interno pompeiano”, a Palazzo Ducale di Gubbio un insolito racconto fotografico delle domus di Pompei

Inaugurata lo scorso 30 giugno, nell'ambito del progetto La Sottile Linea d'Umbria, la mostra...

Il 12 luglio via XX Settembre parzialmente chiusa al traffico, sospeso servizio navetta

Il Comando di Polizia Municipale di Gubbio comunica che, per consentire l’esecuzione di lavori...

Correlati

“Umbria Film Festival”, le chiavi della città di Montone ad Alice Rohrwacher e stasera al regista Olivier Assayas

La cerimonia di consegna delle chiavi della città ha visto protagonista nella serata di...

Usl Umbria 1, al via la formazione per la nuova Lettera di dimissione ospedaliera

Adeguata in in conformità con il formato del Fascicolo Sanitario Elettronico, rappresenta un miglioramento...

“Interno pompeiano”, a Palazzo Ducale di Gubbio un insolito racconto fotografico delle domus di Pompei

Inaugurata lo scorso 30 giugno, nell'ambito del progetto La Sottile Linea d'Umbria, la mostra...