HomeGubbioELEZIONI | "Nessuno vuole essere Robin", sei candidati per il Comune

ELEZIONI | “Nessuno vuole essere Robin”, sei candidati per il Comune

Published on

spot_img

L’Italia è notoriamente il paese di 60 milioni di commissari tecnici della nazionale di calcio. In Italia cresce il numero di scrittori e cala quello dei lettori. In politica, cresce il numero dei candidati e contestualmente cala quello dei votanti.

Nel 1992, nel pieno della tempesta di tangentopoli e quando era evidente che il sistema dei partiti storici che avevano traghettato l’Italia dal ventennio fascista alla costituzione repubblicana, era ormai al capolinea, si iniziava a parlare di seconda repubblica. Dopo le elezioni politiche di aprile, uscì un libretto di Giovanni Sartori dal titolo: “Seconda Repubblica? Sì, ma bene”. Il noto politologo fiorentino scomparso nel 2017 trattava dei benefici e dei rischi che si portava con sé una nuova strada politica, considerato il tracollo dei partiti tradizionali. Alla fine è andata come sappiamo: adesso si parla addirittura di terza repubblica, forse per vergogna della seconda che ha lasciato in dote il populismo.

A livello amministrativo, una delle prime novità di quel periodo fu la legge 81 del 1993 che introdusse l’elezione diretta del sindaco. Sembrò la conquista del secolo: finalmente i cittadini potevano scegliere, apparentemente senza intermediari, da chi far amministrare i propri comuni. Finiva l’epoca dei sindaci eletti nelle fumose segreterie dei partiti.

A due mesi esatti dalle elezioni amministrative dell’8 e 9 giugno, il quadro delle candidature per il posto che lascerà Filippo Mario Stirati dopo 10 anni è ormai completo. Le ultime caselle si sono riempite in questi giorni, nell’area progressista, con le candidature di Gabriele Tognoloni e da ultima quella di Leonardo Nafissi che si sono aggiunte ad Alessia Tasso e Francesco Della Porta.

Il centro-sinistra dunque per ora cammina, è proprio il caso di dirlo, nel solco della sua tradizione (chissà se saremo smentiti), quella cioè di dividersi e combattersi al proprio interno, disorientando sempre più i già disorientati elettori di quella parte. A Gubbio questa divisione è aggravata dalla totale inconsistenza del locale Partito Democratico, da oltre venti anni in balìa di lotte intestine per il potere (quale?) e mano a mano svuotato di elettori nelle tornate amministrative, molti rifugiatisi nelle sempre più frequenti liste civiche, ma moltissimi altri andati a ingrossare il partitone dell’astensione. Non pochi hanno invece direttamente saltato il fosso per accasarsi nell’altro campo.

Questa volta si è divisa anche la parte che ha sempre fatto della questione ambientale uno dei cavalli di battaglia e anche questo non è un bel segnale, visto che adesso entrambe le cementerie sono passate dal bruciare fiori al CSS.

Nel centro-destra, dopo il ritiro della candidatura di Angelo Baldinelli con Alternativa Popolare e l’annuncio dell’appoggio a Rocco Girlanda, forse spaventato dal pericolo concreto di non conquistare nemmeno il seggio come candidato sindaco, restano in ballo due soli nomi: Vittorio Fiorucci, candidato di tutto il centro-destra “unito” e Rocco Girlanda, appoggiato da una lista civica solo apparentemente trasversale.

Al momento Fiorucci e Girlanda sono impegnati per 2/3 del loro tempo e dei loro comunicati a bastonarsi con una certa foga, ben sapendo che, col ballottaggio praticamente certo al 100%, l’obiettivo unico è essere il candidato di area che riuscirà ad accedervi.

In questa lotta “fratricida” Rocco Girlanda è quello più a suo agio, intanto perché parte inseguendo, e in certi casi è sempre meglio essere il ghepardo che la gazzella. Ma soprattutto perché anni e anni di campagne elettorali a tutti i livelli avranno pur insegnato qualcosa. “Io metto la mia esperienza e le mie relazioni al servizio della città – ha annunciato Girlanda – e già ho sottoscritto un documento con cui ho rinunciato alla mia indennità da sindaco, per devolverla a Gubbio, secondo quanto delibererà il Consiglio Comunale. Sfido i miei avversari a fare lo stesso per una scelta etica e disinteressata”. Un vero e proprio manifesto del populismo che fa tornare alla mente l’evo monarchico, quando si potevano permettere di ricoprire questi ruoli solo pochi signorotti “possidenti”, più o meno decaduti. Come se la soluzione del rebus sia risparmiare lo stipendio del sindaco (peraltro neanche così ricco con l’impegno h24 e le responsabilità che richiede tale figura). Del resto siamo tutti più ricchi da quando è stato ridotto il numero dei parlamentari e chissenefrega se i territori più piccoli e marginali non avranno mai più rappresentanze. Ma questo è un altro discorso. Torniamo a noi.

Fiorucci è un novizio della politica attiva e ambire alla poltrona di sindaco (non così comoda di questi tempi) non è ovviamente la stessa cosa che correre per fare il capodieci o il presidente di famiglia ceraiola. Con l’aggiunta molto scomoda di dover ascoltare varie campane non solo politiche.

Riepilogando, i candidati alle elezioni amministrative 2024 saranno sei come già accaduto nel 2006, 2011 e 2019. In due occasioni ce ne furono quattro (1997 e 2001), in una cinque (2014) e in un’altra addirittura sette (la prima volta dell’elezione diretta nel 1993). A questo punto aspettiamo di conoscere i programmi, quelli realizzabili naturalmente. Delle fantasie ne facciamo volentieri a meno.

Ah, post scriptum: nelle divisioni naturalmente chi rischia di più è il centro-sinistra perché dall’altra parte quando si va al ballottaggio ci si tura il naso, mentre in quel campo è accaduto spesso che al secondo turno nella migliore delle ipotesi ci si astiene. Mai come questa volta ci potrebbero essere sorprese.

Ultimi Articoli

Gli Sbandieratori di Gubbio festeggiano oggi 55 anni di storia con un’esibizione in Piazza Grande

Il 25 Maggio segna una data storica per Gubbio e per il Gruppo Sbandieratori....

Il “cuore verde” in volo per il nuovo spot della campagna turistica estiva dell’Umbria passa da Gubbio

E’ on air dal 12 maggio in TV e sul web il nuovo spot,...

Politiche sociali e sanità, i temi che saranno al centro dell’incontro promosso da Lega Gubbio insieme alla coalizione a sostegno di Vittorio Fiorucci

Si parlerà di Politiche sociali e di Sanità all’incontro pubblico in programma lunedì 27...

Simone Andreoli, punto di riferimento della profumeria artistica, sarà oggi ospite presso la storica profumeria Limonero di Gubbio

Il famoso creatore di fragranze Simone Andreoli sarà ospite nel pomeriggio di oggi, 24...

Correlati

Gli Sbandieratori di Gubbio festeggiano oggi 55 anni di storia con un’esibizione in Piazza Grande

Il 25 Maggio segna una data storica per Gubbio e per il Gruppo Sbandieratori....

Il “cuore verde” in volo per il nuovo spot della campagna turistica estiva dell’Umbria passa da Gubbio

E’ on air dal 12 maggio in TV e sul web il nuovo spot,...

Politiche sociali e sanità, i temi che saranno al centro dell’incontro promosso da Lega Gubbio insieme alla coalizione a sostegno di Vittorio Fiorucci

Si parlerà di Politiche sociali e di Sanità all’incontro pubblico in programma lunedì 27...