HomeGubbio80 anni dopo l'Anpi ricorda  i fatti di Morena e Primo Ciabatti

80 anni dopo l’Anpi ricorda  i fatti di Morena e Primo Ciabatti

Published on

spot_img

Ripercorrere i luoghi della Resistenza sull’Appennino Umbro-Marchigiano

A 80 anni dal rastrellamento di Morena (frazione di Gubbio al confine tra Umbria e Marche) e dall’uccisione di Primo Ciabatti, domenica 12 maggio l’Anpi (Associazione nazionale partigiani) ricorda quei fatti con una serie di iniziative organizzate dai comitati provinciali di Perugia e Pesaro e le sezioni San Giustino-Citerna, Gubbio, Città di Castello, Umbertide, Montone, Pietralunga, Cantiano, Val Metauro, Val Cesano.

Il 7 maggio 1944 il borgo montano venne attaccato dai tedeschi e dalla Guardia nazionale repubblicana, che cercavano i partigiani nella zona a cavallo tra le due regioni, con la conseguente distruzione delle case, della canonica e violenze sulla popolazione.

La ricostruzione dell’episodio viene fatta dagli studiosi di storia contemporanea Giancarlo Pellegrini e Tommaso Rossi, secondo i quali obiettivo principale del rastrellamento erano i partigiani tra Morena e Pietralunga. Però l’ operazione si svolse anche nel territorio tra Gubbio, Pietralunga, Cantiano, Scheggia, Montone, Apecchio. Tra i più ricercati c’era il parroco della frazione, don Marino Ceccarelli, il “prete bandito”, ritenuto dai tedeschi l’organizzatore del gruppo partigiano di Morena. Con il rastrellamento, durato una settimana, furono presi – secondo i dati della GNR – 126 giovani, catturati otto ribelli, di cui cinque fucilati. Le cifre degli uccisi non corrispondevano alla realtà delle cose e anche in questo frangente parecchie vittime furono civili, mentre i partigiani riuscirono a sganciarsi verso Serra Maggio per poi ricomporsi, una volta terminato il rastrellamento. Poiché uno degli obiettivi era trovare don Marino, i tedeschi, non essendo riusciti a prendere il sacerdote, si accanirono sulla chiesa, incendiandola insieme a cinque case adiacenti.

Per ricordare e commemorare quei fatti di 80 anni fa, per il 12 maggio a Morena è stata dunque organizzata una giornata di iniziative. Il programma prevede l’arrivo delle delegazioni Anpi alle 10 a Secchiano di Cagli per la deposizione della corona, i saluti istituzionali e il ricordo di Primo Ciabatti, fucilato il 7 maggio 1944. Alle 12 ci sarà invece l’arrivo a Morena, anche qui con deposizione di corona e commemorazione. Alle 13 è previsto un momento conviviale e alle 14.30 un intervento dello storico Dino Renato Nardelli, cui seguirà un omaggio musicale con canti e letture.

Ultimi Articoli

Gli Sbandieratori di Gubbio festeggiano oggi 55 anni di storia con un’esibizione in Piazza Grande

Il 25 Maggio segna una data storica per Gubbio e per il Gruppo Sbandieratori....

Il “cuore verde” in volo per il nuovo spot della campagna turistica estiva dell’Umbria passa da Gubbio

E’ on air dal 12 maggio in TV e sul web il nuovo spot,...

Politiche sociali e sanità, i temi che saranno al centro dell’incontro promosso da Lega Gubbio insieme alla coalizione a sostegno di Vittorio Fiorucci

Si parlerà di Politiche sociali e di Sanità all’incontro pubblico in programma lunedì 27...

Simone Andreoli, punto di riferimento della profumeria artistica, sarà oggi ospite presso la storica profumeria Limonero di Gubbio

Il famoso creatore di fragranze Simone Andreoli sarà ospite nel pomeriggio di oggi, 24...

Correlati

Gli Sbandieratori di Gubbio festeggiano oggi 55 anni di storia con un’esibizione in Piazza Grande

Il 25 Maggio segna una data storica per Gubbio e per il Gruppo Sbandieratori....

Il “cuore verde” in volo per il nuovo spot della campagna turistica estiva dell’Umbria passa da Gubbio

E’ on air dal 12 maggio in TV e sul web il nuovo spot,...

Politiche sociali e sanità, i temi che saranno al centro dell’incontro promosso da Lega Gubbio insieme alla coalizione a sostegno di Vittorio Fiorucci

Si parlerà di Politiche sociali e di Sanità all’incontro pubblico in programma lunedì 27...