lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeGlobalCaro bollette, Movimento Consumatori: misure del Governo poco incisive

Caro bollette, Movimento Consumatori: misure del Governo poco incisive

Nell’ambito degli interventi a sostegno delle imprese e dei consumatori che il Governo ha programmato per rispondere al difficile momento economico del nostro Paese, ci sono le “Misure urgenti per contrastare gli effetti economici e umanitari della crisi Ucraina”, presentate il 18 marzo scorso da Draghi e pubblicate oggi nella Gazzetta Ufficiale.

Per i consumatori è stato previsto per il periodo 1° aprile – 31 dicembre 2022, che il valore ISEE di accesso ai bonus sociali elettricità e gas è pari a 12.000 euro rispetto al precedente limite di 8.280 euro. Si allarga così da 4 a 5,2 milioni la platea delle famiglie che hanno diritto ai bonus. La grande novità da segnalare è che gran parte dei nuovi interventi non sono finanziati dal bilancio pubblico, ma da una tassazione extra nei confronti di alcune aziende del comparto energetico. Il Governo ha deciso di tassare una parte degli straordinari profitti che i produttori stanno realizzando, grazie all’aumento dei costi delle materie prime e di redistribuire questi soldi alle imprese e alle famiglie in difficoltà economica attraverso il meccanismo dei bonus. La tassazione “extra” dei profitti delle aziende energetiche e petrolifere nella misura del 10% è un provvedimento fondamentale anche per dare evidenza alle giuste pressioni esercitate da Movimento Consumatori, unitamente ad altre associazioni, per riequilibrare a favore di tutti i cittadini l’eccessivo aumento dei prezzi in parte non giustificato dal costo effettivo della materia prima (come nel caso della produzione di energia da fonti rinnovabili). Inoltre, attraverso Il Garante della sorveglianza dei prezzi, un’unità di missione costituita presso il MISE che può richiedere “dati, notizie ed elementi specifici sulle motivazioni che hanno determinato le variazioni di prezzo” e che ha il compito di svolgere attività istruttorie, di analisi, valutazione e di elaborazione dei dati, si potranno assicurare la trasparenza sui prezzi e imporre sanzioni da 500 a 5 mila euro ai distributori in caso di mancato riscontro entro 10 giorni.

Movimento Consumatori ritiene questo provvedimento decisamente “timido” rispetto all’aumento dei prezzi e il Garante un semplice coadiutore/doppione dell’Antitrust dai poteri sanzionatori limitatissimi.

“Il nostro giudizio complessivo su questi interventi ‘urgenti’ del Governo – spiega Ovidio Marzaioli, responsabile del settore Energia e Idrico MC – sarebbe stato positivo se fatti due settimane fa, evitando alle famiglie e alle imprese giorni difficili tra aumenti del petrolio e dell’energia elettrica e del gas. In questo momento hanno invece un effetto di mero alleggerimento rispetto alla gravità delle problematiche sorte nel periodo. Anche la stessa previsione dell’innalzamento del tetto minimo di accesso ai bonus sociali, da sempre cavallo di battaglia del Movimento Consumatori, non è una stabile conquista, ma è limitato nel tempo visto che si rinvia al 2023 l’eventuale evoluzione a misura strutturale e definitiva”.

“Premesso che in questo momento di recessione anche i consumatori sono chiamati a ridurre i consumi – rincara Alessandro Mostaccio, segretario generale MC – il Governo dovrebbe però spiegare qual è la strategia che vuole attuare a breve, medio e lungo termine per accrescere l’energia prodotta in Italia. Chiediamo perché non è stato ancora varato il decreto attuativo sulle comunità energetiche che rappresentano il naturale sviluppo del concetto di prosumer collettivo, che produce ed autoconsuma e quindi diviene protagonista del cambiamento ecologico così come indicato dalla normativa europea, e perché non si mette in atto da subito, ad esempio, una misura straordinaria simile a quella del bonus 110%, a favore delle aziende che installano pannelli fotovoltaici e pompe di calore. Gli interventi che ci aspettiamo sono azioni immediate per aiutare subito chi non è in grado di pagare e una vera ed efficace programmazione verso la transizione ecologica”.

notizie